Lettore audio
Getting your Trinity Audio player ready...

Già 25 secoli fa il filosofo Socrate aveva inquadrato la millenaria questione dei confini e dei muri dicendo: “Sono un cittadino, non di Atene o della Grecia, ma del mondo”. Oggi ricorre la Giornata Mondiale del Rifugiato e, per il 13° anno consecutivo, cresce il numero delle persone in fuga dalla loro patria. Dietro le fredde cifre ci sono le persone in carne d’ossa come Nalina, definita dai mass media “l’orfana del mare”, la bambina di 10 anni sopravvissuta nei giorni scorsi al naufragio al largo della Calabria. I suoi familiari sono annegati e lei continua a chiedere ai soccorritori e al personale sanitario che l’hanno salvata: “Dove sono la mamma, il papà e la mia sorellina”.